Accesso ai servizi

AGGIORNAMENTI CORONAVIRUS (COVID-19)



AGGIORNAMENTI CORONAVIRUS (COVID-19)



Il Sindaco è in contatto con le autorità regionali e i responsabili della protezione civile.



Ogni dettaglio utile sarà diffuso, per informazione contattare il numero dedicato 1500.




Pagina dedicata della Regione Piemonte: https://www.regione.piemonte.it/web/temi/sanita/coronavirus-2019-ncov-gestione-della-situazione
Pagina dedicata del Ministero della Salute: http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus-------------------------------------------------------------------------------------------------

AGGIORNAMENTI:

- 11/07/2020, ore 24.00: Viene pubblicato il Decreto del Presidente della Regione Piemonte n. 76 in data odierna che reintroduce la possibilità di leggere giornali e quotidiani e di riprendere a giocare a carte nei bar, negli esercizi pubblici e nei circoli ricreativi di tutto il Piemonte.

- 29/06/2020, ore  17.45:
 Viene pubblicato il Decreto del Vice Presidente della Regione Piemonte n. 72 in data odierna che integra e modifica il DPGR n. 68 del 13/06/2020. Le disposizioni in esso contenute hanno validità sino al 14 luglio p.v.

- 13/06/2020, ore 19.00: 
Viene pubblicato il Decreto del Presidente della Regione Piemonte n. 68 in data odierna con validità dal 14 giugno al 14 luglio p.v.

- 27/05/2020, ore 20.00:
Viene pubblicato il Decreto del Presidente della Regione Piemonte con il quale viene disposto l'obbligo di indossare una protezione delle vie aeree dal 29 maggio al 2 giugno compresi, esclusivamente nei centri abitati.

- 22/05/2020, ore 21.00:
Viene pubblicato il Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 63.

- 17/05/2020, ore 18.00:
Vengono diramate le Linee di indirizzo per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative di cui al DPGR 57 in data odierna. (In allegato)

- 02/05/2020, ore 20:00:
Viene pubblicato il Decreto del Presidente della Giunta Regionale numero 49 in data odierna che si sintetizza di seguito:
- Utilizzo di mascherine in ogni luogo accessibile al pubblico (a Virle questo obbligo era già in vigore);
-  Mantenuto il divieto di ingresso ai visitatori nelle RSA;
- Restano consentite le consegne a domicilio per tutti i settori merceologici;
- Si specificano particolari regole da seguire per allenamento e addestramento di cavalli;
- Consentita l'attività degli esercizi di toelettatura animali;
- Consentito il raggiungimento delle seconde case sul territorio regionale per soli lavori di manutenzione con rientro alla propria dimora abituale in giornata.

- 30/04/2020, ore 21:00: 
Viene pubblicato il Decreto del Presidente della Giunta Regionale numero 49 in data odierna che disciplina le attività di asporto nel settore della risotrazione (c.d. "take away"). (Si allega il Decreto).

- 27/04/2020, ore 9:
  Il presidente del Consiglio dei Ministri ha firmato il nuovo decreto sulle misure per il contenimento dell'emergenza Covid-19 nella cosiddetta Fase2. Le disposizioni verranno applicate dal 4 maggio 2020 e saranno efficai fino al 17 maggio (ad eccezione di quanto previsto dall’articolo 2, commi 7, 9 e 11, che si applicano da oggi). Si continuano ad applicare le misure di contenimento più restrittive adottate dalle Regioni. (in allegato)

- 20/04/2020, ore 21:00
: Viene pubblicato il Decreto del Presidente della Giunta Regionale numero 47 in data odierna che dispone la chiusura al pubblico di tutti gli esercizi commerciali dalle ore 00.00 alle ore 24.00 del 25 aprile e dalle ore 00.00 alle ore 24.00 dell’1 maggio 2020. (Si allegano il Decreto ed i chiarimenti correlati).

- 13/04/2020, ore 13:30:
Viene pubblicato il Decreto del Presidente della Giunta Regionale numero 43 in data odierna che PROROGA fino al 3 maggio le misure attualmente in vigore per il contenimento del Coronavirus

Pertanto restano chiuse anche le librerie, le cartolibrerie e i negozi di abbigliamento per l'infanzia; resta salva, peró, la possibilità di vendita con consegna a domicilio per tutte le diverse categorie merceologiche. (Si allegano il Decreto ed i chiarimenti correlati).


- 09/04/2020, ore 21:00:
Viene pubblicato il Decreto del Presidente della Giunta Regionale numero 41 in data odierna che dispone la chiusura degli esercizi commerciali dalle ore 13 di Domenica 12 aprile alla mezzanotte di lunedì 13, ad esclusione delle farmacie e parafarmacie.

- 04 Aprile, ore 10:30: 
E' in vigore da oggi, sino alla cessazione dello stato di emergenza proclamato il 31 gennaio 2020, l'obbligo di indossare la mascherina per tutti coloro che escono dalle proprie abitazioni per motivi di necessità.
L'obbligo è previsto in tutti luoghi pubblici o privati aperti al pubblico (esercizi commerciali, supermercati,..) sul territorio comunale.
Chi non rispetta le disposizione è soggetto ad una sanzione amministrativa dell'importo variabile tra 25 € e 500 €.

- 03 Aprile, ore 20:40:
Viene pubblicato il Decreto del Presidente della Regione Piemonte n. 36 in data odierna nel quale vengono mantenute le limitazioni esistenti con alcune nuove previsioni:
• Possibilità di accedere ai mercati per un solo componente del nucleo familiare, salvo comprovate esigenze;
• Il divieto di allontanarsi oltre i 200 metri dalla propria abitazione;
• Possibilità di svolgere attività di lavoro domestico solo per chi garantisce attività di assistenza di anziani, ammalati e diversamente abili;
• Possibilità di svolgere all’aperto attività ludica o ricreativa, entro i 200 metri dalla propria abitazione.

- 01 Aprile, ore 20.45:
Viene pubblicato il DPCM in data odierna (v. allegato) che estende le misure restrittive dei precedenti provvedimenti sino al giorno 13 Aprile 2020.

- 29 Marzo, ore 23:00:
Viene pubblicata l'ordinanza n. 658 del Capo Dipartimento della Protezione Civile recante "Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all'emergenza relativa al rischio sanitario connessa all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili". Al Comune di Virle sono stati assegnati €. 7.514,05 da destinare a misure urgenti di solidarietà alimentare. E' allo studio dell'Amministrazione comunale un regolamento, condiviso con il CISS, per provvedere all'erogazione dei contributi.

-29 Marzo, ore 19:00:
Viene pubblicato il Decreto 35/2020 del Presidente della Regione Piemonte che prevede la possibilità di commerciare prodotti per ufficio e cancelleria all'interno di attività di vendita di generi alimentari o altre attività non soggette a chiusura, nonchè per le attività chiuse la possibilità di commercio dei suddetti articoli effettuato via internet, per televisione, per corrispondenza, radio e telefono.
- 22 Marzo, ore 19:30
: Viene pubblicato il DPCM in data odierna recante ulteriori misure di prevenzione in vigore fino al 3 aprile 2020. Il testo è in allegato.
- Sabato 21 Marzo, ore 23:00
: il Presidente della Regione Piemonte, ha emanato un decreto (v. allegato) recante misure ulteriormente restrittive per il contenimento del contagio da Covid-19. DI seguito una sintesi delle misure:
La nuova ordinanza avrà efficacia in Piemonte da domani fino al 3 aprile 2020.
- Stretta sui mercati, che saranno possibili solo dove i sindaci potranno garantire il contingentamento degli accessi e il non assembramento, anche grazie all’utilizzo di transenne. 
- Inoltre l’accesso agli esercizi commerciali sarà limitato ad un solo componente del nucleo familiare, salvo comprovati motivi di assistenza ad altre persone.
- Chiusi anche gli uffici pubblici e gli studi professionali, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali ed indifferibili (oltre alla possibilità di attuare lo smart working).
- Stop anche gli spostamenti verso le seconde case.
- Vietata, inoltre, la sosta e l’assembramento davanti ai distributori automatici “h24” che distribuiscono bevande e alimenti confezionati.
- Bloccate anche le slot machine e disattivati monitor e televisori da parte degli esercenti.
- Restano aperte le edicole, le farmacie, le parafarmacie e i tabaccai (dove dovrà essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro).
- Ove possibile, dovrà effettuarsi la rilevazione sistematica della temperatura corporea presso i supermercati, le farmacie e i luoghi di lavoro.
- Disposto il fermo dell’attività nei cantieri, ad eccezione di quelli di interesse strategico.
- Vietato l’assembramento di più di due persone nei luoghi pubblici.

- Venerdì 20 Marzo, ore 21:00:
il Ministro della Salute ha emanato in data odierna un'ordinanza (in allegato) che integra le disposizioni e i divieti già in essere e che segnatamente prevede:
- Divieto di accesso ai parchi, aree gioco e giardini pubblici comunali.
- Divieto di svolgere attività ludica o ricreativa all'aperto. Resta consentita l'attività motoria nei pressi della propria abitazione purchè nel rispetto della distanza di 1 mt da altre persone e del divieto di costituire assembramenti.
- Divieto di ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.

- Domenica 15 Marzo, ore 19.45:
su indicazione della Regione si allegano le indicazioni provenienti dall'istituto Superiore di Sanità relative allo smaltimento dei rifiuti extra ospedalieri provenienti da pazienti positivi al SARS-COV-2 in isolamento domiciliare.

- Mercoledì 11 Marzo, ore 2:
 Viene pubblicato il DPCM in data odierna recante misure ulteriromente restrittive, valide sino al 25 Marzo p.v., che si sintetizzano di seguito. Per un dettaglio delle stesse si rimanda alla lettura del testo del Decreto in allegato.
- Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 1 (Ipermercati
Supermercati
Discount di alimentari
Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari
Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico
Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
Commercio al dettaglio di articoli per l'illuminazione
Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
Farmacie
Commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica
Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l'igiene personale
Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono
Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici), sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività. Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie. Deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
- Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto. Restano, altresì, aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
- Sono sospese le attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) diverse da quelle individuate nell’allegato 2.
- Restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi .
- In ordine alle attività produttive e alle attività professionali si raccomanda che:
a) sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;
b) siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
c) siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;
d) assumano protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;
e) siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali.

- Lunedì 09 Marzo, ore 23:00: Viene pubblicato il DPCM in data odierna che estende a TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE le misure di prevenzione e contenimento di cui all'articolo 1 del DPCM 8 marzo 2020. Il testo è in allegato. SI INVITA LA POPOLAZIONE A RIMANERE IN CASA E A LIMITARE GLI SPOSTAMENTI A QUANTO STRETTAMENTE NECESSARIO (approvvigionamento viveri, ragioni lavorative e motivi sanitari).
-  Domenica 08 marzo, ore 07:00: Viene pubblicato il DPCM in data odierna. Le principali misure risguardano l'Istituzione della zona rossa nelle province di Asti, Alessandria, Novara, VCO e Vercelli, e l'ulteriore irrigidimento delle misure preventive di cui al precedente DPCM. Per altre informazioni, si veda il DPCM in allegato recante le principali prescrizioni.
- Mercoledì 04 marzo, ore 21:45: Viene pubblicato il DPCM in data odierna. Le principali misure risguardano la sospensione di ogni assembramento ove non venga rispettata la distanza di 1 mt tra ogni persona e la sospensione dell'attività didattica nelle scuole di ogni ordine e grado sino al 15/03/2020. Per altre informazioni, si veda il DPCM in allegato recante evidenziate in colore giallo le principali prescrizioni.

- Lunedì 02 marzo, ore 21:00: il Presidente della Regione promulga l'oprdinanza di proroga della chiusura delle scuole sino a Domenica 8 marzo p.v. (in allegato).
- Lunedì 02 marzo, ore 14.00: Il presidente della Regione comunica che le scuole riapriranno Lunedì  09/03/2020.

- Domenica 01 marzo, ore 21.00:  il Piemonte non è stato incluso tra le aree per le quali sono state previste misure più restrittive e pertanto, secondo quanto previsto dal Governo nazionale, domani le scuole piemontesi potrebbero riaprire. Ma il presidente Alberto Cirio ha deciso di adottare una linea di maggior prudenza. Questo alla luce soprattutto della vicinanza con la Lombardia, regione più colpita in Italia dal Coronavirus, e dalla necessità di contestualizzare ogni valutazione anche su questo aspetto. Pertanto in Piemonte l’attività delle scuole di ogni ordine e grado, dei servizi educativi dell’infanzia, della formazione superiore e dei corsi professionali, è ancora sospesa almeno fino a martedì. Questo prevede il testo dell’ordinanza firmata stasera dal Presidente della Regione (in allegato), un atto assunto in autonomia rispetto alle disposizioni del Governo, ma comunque di concerto con il Ministro della Sanità. Le due giornate serviranno per un intervento straordinario di igienizzazione delle scuole, come annunciato ieri insieme al direttore dell’Ufficio scolastico regionale. Soltanto martedì, sentito il parere tecnico e scientifico dell’Istituto superiore di sanità sull’evoluzione del contagio, la Regione deciderà se riaprire completamente le scuole piemontesi o se prorogare la sospensione dell’attività didattica a tutela della salute dei nostri studenti. In allegato trovate il DPCM definitivo del Presidente del Consiglio dei Ministri e l’ordinanza specifica emanata dal Piemonte.

-Martedì 25 febbraio, ore 18.00: La Regione Piemonte ha attivato un numero verde 800 19 20 20 dedicato alla segnalazione di casi sanitari.

- Lunedì 24 febbraio, ore 20:30: La Regione ha diramato la circolare esplicativa dell’ordinanza del 23 febbraio della Regione Piemonte "Misure urgenti in materia di contenimento del contagio da coronavirus". (V. allegato "Circolare esplicativa Regione Piemonte") ai sensi della quale si comunica quanto segue:

- gli uffici pubblici sono e rimarranno aperti;
- scuole chiuse e servizi extrascolastici sospesi fino a sabato 29;
- non sono consentiti spettacoli, concerti o intrattenimenti in quanto attrattivi per l'aggregazione di persone;
- anche la biblioteca comunale rimarrà chiusa;
Riguardo le celebrazioni religiose S.E.R. il Vescovo stabilisce che:
1. Nella settimana fino a sabato 29 febbraio alle 24, sono sospese in tutte le parrocchie le attività pastorali che prevedono la presenza di gruppi di persone, in particolare sono sospese le attività del catechismo e quelle di ogni oratorio;
2. Sono sospese tutte le messe feriali e festive del sabato fino alla mezzanotte di sabato 29 febbraio;
4. Per quanto riguarda i funerali si può prevedere una benedizione della salma data al cimitero con la presenza dei parenti. Le messe di suffragio saranno celebrate secondo le date stabilite;
5. Per quanto riguarda il mercoledì delle Ceneri si sospende la celebrazione, invitando i fedeli a vivere questa giornata in spirito di preghiera, digiuno e carità;
6. La messa con l’imposizione delle Ceneri potrà essere celebrata domenica 1° marzo, salvo nuove indicazioni ancora possibili.
Inoltre, si ribadisce che:
- l'800 333 444 è l'unico numero verde regionale autorizzato a rispondere ad eventuali richieste di chiarimenti in merito all'ordinanza del 23 febbraio "Misure urgenti in materia di contenimento del contagio da coronavirus", oltre che a fornire ulteriori informazioni relative alla Regione. Il numero non riceve segnalazioni sanitarie. Resta il 1500 per le emergenze;
- nessun operatore sanitario è stato incaricato dall'Unità di crisi, dalle Asl o da qualsivoglia soggetto per effettuare test, tamponi o prelievi al domicilio dei cittadini, a meno che questa visita non sia stata preventivamente concordata con il Servizio sanitario. In caso contrario si tratta di sciacallaggio, e si invitano i cittadini a contattare subito le forze dell’ordine.

- Lunedì 24 febbraio, ore 09:30: IL SINDACO rende noto che nella sezione ALBO PRETORIO del sito internet comunale è stata pubblicata l’ordinanza emanata dal Ministro della Salute d’intesa con il Presidente della Regione Piemonte n. 1/2020 ad oggetto “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019”.
In particolare, si richiama l’attenzione sulle seguenti misure:
- Sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato, sia in luoghi chiusi che aperti al pubblico, anche di natura culturale, ludica, sportiva e religiosa;
- Sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado;
- Previsione dell’obbligo da parte di individui che hanno fatto ingresso nel Piemonte da zone a rischio epidemiologico di comunicare tale circostanza al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria competente per territorio (ASL TO3).

I provvedimenti dell’ordinanza hanno efficacia dalla data odierna 24 febbraio 2020 fino a sabato prossimo 29 febbraio 2020.

A tutti e a ciascuno è fatto obbligo di osservarne le disposizioni.

- Domenica 23 febbraio, ore 19:30: Si rende nota l'ordinanza contingibile ed urgente n. 1/2020 del Ministro della Salute d'intesa con il Presidente della Regione Piemonte (v. allegato).

- Domenica 23 febbraio, ore 17:20: In base a quanto anticipato dalla Presidenza della Regione Piemonte, qui di seguito,


"Chiusura scuole e agenzie formative. Il presidente della Regione, insieme al Prefetto di Torino e all'assessore regionale alla Sanità, anticipa che verranno chiuse le scuole di ogni ordine e grado in tutto il Piemonte e che saranno anche sospese le attività didattiche delle agenzie formative"



si comunica la sospensione delle attività didattiche su tutto il territorio comunale (Materna e Primaria) dalla giornata di domani e per una settimana.

 

In virtù di quanto anticipato ancora di seguito,

 





"Verso la sospensione di eventi musicali e sportivi. Il presidente della Regione anticipa che tra le misure contenute nell'ordinanza che si sta mettendo a punto con il ministero della Salute e che verrà emanata nelle prossime ore figura la sospensione di ogni evento ludico, sportivo e musicale che prevede un assembramento di persone in luogo chiuso o aperto"


 






si comunica la sospensione delle suddette attività su tutto il territorio comunale dalla giornata di domani e per una settimana.


 


Si informa che L'UNICO SITO INTERNET PER INFORMAZIONI ATTENDIBILI è quello della Regione Piemonte consultabile all'indirizzo qui allegato.



- Domenica 23 febbraio 2020, ore 15:20: L'Università degli Studi di Torino, il Politecnico e l'Università del Piemonte Orientale hanno inoltre disposto, a partire da lunedì 24 febbraio, la sospensione per una settimana delle attività didattiche in tutti gli atenei del Piemonte, salvo diverse indicazioni.

Si sta VALUTANDO la possibilità di chiudere anche le scuole di ogni ordine e grado, ma NON vi è ancora ufficialità. Al momento rimangono valide le sole chiusure previste per il periodo di carnevale.

- Sabato 22 febbraio 2020, ore 18:50: L’Amministrazione comunale ha istituito il seguente numero di cellulare per esigenze che dovessero presentarsi sul territorio comunale.
Numero: 3776637553.

                                                                    Il Sindaco 
                                                               Mattia Robasto



 



Documenti allegati: